Chi siamo Esperto risponde Magazine on line Comunicati stampa Sedi regionali Downloads
Quesiti, progetti e FAQ Iscrizione Difesa consumatori Forum e Chat Links

"Lavoro: il 90% degli europei vuole cambiare entro 6 mesi"
 


Tutto, tranne il salario (18%), coloro che non si possono proprio lamentare (7%), e coloro che sono soddisfatti ma non ricevono nessuna retribuzione per gli straordinari (5%).

Inglesi, italiani e austriaci sembrano essere i più insoddisfatti della propria situazione lavorativa. Per l'Italia hanno partecipato all'indagine 1.385 lavoratori, il 57,1% dei quali (secondo dato in Europa, ben oltre la media del continente) si è dichiarato pronto a cambiare lavoro prestissimo, mentre il 19,7% si è detto soddisfatto per tutto, escluso il salario. Seguono coloro che aspettano fiduciosi un cambiamento in meglio (13,9%). Coloro che non si possono proprio lamentare sono il 5,1% e il restante 4,2% è composto da chi si lagna soltanto degli straordinari non retribuiti.

Ma qual è il ritratto dell'utente di Monster, che presumibilmente corrisponde a quello di chi ha partecipato alla survey? Per il 60% si tratta di uomini, 40% donne. L'età è estremamente varia, ma la maggior densità si registra tra i 25 e i 35 anni, e l'esperienza professionale tra i 2 e i 5 anni di lavoro. Per la maggior parte, gli utenti di Monster sono laureati, e residenti nei grandi centri urbani.

Solo  l'11% dei lavoratori italiani non sarebbe disposto a cambiare Paese per migliorare la propria situazione professionale. Segno che i lavoratori sono certamente più dinamici che in passato (d'altronde, ormai si cambia lavoro mediamente ogni 5 anni e non ogni 20 come accadeva negli anni '60), ma segno anche che indubbiamente esistono problemi che rendono non piacevole la situazione lavorativa per molti italiani".

 

Torna alla Home Page


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: Telefono Blu - SOS Viaggiatore - Città Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

Copyright © Telefono Blu SOS Consumatori 2002-2005e

free web page hit counter