Chi siamo Esperto risponde Magazine on line Comunicati stampa Sedi regionali Downloads
Quesiti, progetti e FAQ Iscrizione Difesa consumatori Forum e Chat Links

"Ecco cosa si pensa al volante"
 


E uno pensava che fosse tutta colpa del cellulare. Ordedi automobilisti distratti: tamponamento facile, attraversamento dell’incrocio col semaforo rosso, mancata precedenza. Il telefonino era prima la giustificazione, poi è diventato un’infrazione gravissima. Il problema è stato risolto a metà e forse adesso si sa anche il perché. Perché al volante le distrazioni non arrivano soltanto dalla cornetta. Seduti in auto, con la strada che corre e il paesaggio che ci passa accanto, si pensa a molte cose. Lo dice una ricerca fatta da una compagnia assicurativa britannica, la More Than.

Il sondaggio dice che oltre un milione automobilisti inglesi pensano al sesso piuttosto che alla strada e alle automobili che sono davanti. Ma il sesso non è il pensiero principale: nella particolare classifica di More Than, è solo al terzo posto. Milioni di britannici pensano, infatti, per prima cosa al lavoro: problemi, angosce, preoccupazioni, smanie di carriera. Al secondo posto c’è la famiglia: mogli, mariti, figli e genitori. Poi il sesso. La ricerca dice che gli automobilisti ammettono di essere concentrati sull’auto, le ruote e la strada per meno del 75% del tempo che trascorrono al volante. I minuti (o ore) restanti sono così distribuiti: 3,2 milioni di inglesi portano la loro testa in ufficio per pensare al lavoro; due milioni la portano a casa per pensare alla famiglia; 1,2 milioni la portano in camera da letto, dove c’è un lui o una lei invitante. Sesso, quindi. «L’abitudine di non concentrarsi sull’asfalto sta portando gli automobilisti a rischiare sempre di più», dice Lisa Dorn, direttrice del centro ricerche sulla guida della Cranfield University. «Consola solo il fatto che gli automobilisti si rendono conto dei pericoli a cui vanno incontro con questo atteggiamento».

Il sondaggio, condottosi 4.497 persone dalla società Sky Living per MoreThan, rivela anche che l’11% dei guidatori abitualmente guida fuori dal limite di velocità. E poi al volante l’automobilista odia gli atteggiamenti di guida degli altri: i peggiori sono quelli che si piazzano dietro appiccicati, detestati dal 28% degli automobilisti.

 

Torna alla Home Page


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: Telefono Blu - SOS Viaggiatore - Città Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

Copyright © Telefono Blu SOS Consumatori 2002-2005e

free web page hit counter