Chi siamo Esperto risponde Magazine on line Comunicati stampa Sedi regionali Downloads
Quesiti, progetti e FAQ Iscrizione Difesa consumatori Forum e Chat Links

"Saldi, alcune regole"
 

Anche per i saldi estivi  vale la  garanzia europea sui prodotti difettosi introdotta dal decreto legislativo 24/2002 che ha allungato da otto giorni a due mesi il termine entro il quale il consumatore può reclamare per l’eventuale difetto del prodotto e richiederne la sostituzione.

Gli acquirenti non hanno diritto ad una riduzione del prezzo se dopo aver comprato un prodotto a saldo, o in qualsiasi vendita straordinaria, lo vedono in un altro negozio ad un prezzo inferiore, infatti i prezzi sono liberi.

Il venditore deve essere in grado di dimostrare la veridicità di qualsiasi asserzione pubblicitaria relativa agli sconti o ribassi dichiarati, oltre che la composizione e qualità della merce. I controlli spettano alla Polizia Municipale, meglio detti “polizia annonaria” e non ad altre forze dell’ordine

I negozianti spesso  sostengono di non poter rimborsare i clienti per prodotti difettosi, perché non ne sono responsabili o perché l’annullamento dell’operazione di cassa sarebbe vietato dalle norme fiscali. Nei casi più benevoli sono disposti al rimborso se il capo di abbigliamento è riconsegnato nella stessa giornata, ovvero prima della registrazione del totale degli incassi.

In altri casi  viene proposto al cliente il rilascio di un buono di spesa per lo stesso importo e valido per sei mesi o un anno (per evitare prescrizione), è comunque facoltà del consumatore accettare o rifiutare il buono. Non è assolutamente vero, in quanto il registratore di cassa ha il tasto per evidenziare sullo scontrino “eventuali rimborsi per restituzione di vendite”, come previsto dall’art. 8 del D.M. 30 marzo 92 e una successiva circolare del Ministero delle Finanze del 5 giugno 92, quindi la scusa che per motivi fiscale non si può rimborsare il prezzo è falsa e va denunciata.

Durante il periodo dei saldi circola molta merce invenduta o altro.

Alcune regole da non dimenticare.

  • Riconoscere il capo che si acquista perché già visto o conosciuto, è probabile che i pochi numeri e le poche taglie siano la vera garanzia della rimanenza del saldo.
  • Controllare sempre le taglie e chiedere la possibilità di indossare per capi di un certo valore e per abiti fatti di più parti.
  • Diffidare di chi apre un saldo dopo una vendita promozionale.
  • Preferire le “marche” ma ovviamente controllare che siano originali

Torna alla Home Page


I SITI DEL GRUPPO TELEFONO BLU: Telefono Blu - SOS Viaggiatore - Città Sicure - Telefono H - SOS Vacanze

Copyright © Telefono Blu SOS Consumatori 2002-2005e

free web page hit counter